La Cooperativa

Il Grande Carro è una cooperativa sociale integrata nata nel 1996 da un progetto del Dipartimento di Salute Mentale della ASL RM3 (ex RMD). Le attività della cooperativa si articolano in due settori principali strettamente connessi tra di loro.

Inserimenti lavorativi e attività produttive

Lo scopo della cooperativa è quello di offrire prospettive di inserimento lavorativo a persone in carico ai Dipartimenti di Salute Mentale in continuità con le attività terapeutico riabilitative. Negli anni più di 100 persone hanno lavorato nella nostra cooperativa nei diversi settori: il catering, il giardinaggio e i traslochi, le pulizie. Più recentemente abbiamo avviato lo sviluppo di altri settori di attività come la falegnameria, l’officina delle biciclette, la legatoria e i progetti legati alla ospitalità ed al turismo.

Servizi di preparazione e sostegno alle persone

La cooperativa si occupa inoltre della gestione di servizi e di attività di cura e riabilitazione delle persone con problemi di salute mentale. In quest’ambito:

  • Dal 1998, in convenzione annuale con il Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma 3, collabora alla gestione del Centro Diurno Preformativo “Monteverde”, attualmente in Via Crescenzo del Monte 13, presso il quale negli anni ha curato laboratori di manutenzione del verde, restauro e rimodernamento del mobile, cucina e catering, informatica, manutenzione delle biciclette,  accoglienza e accompagnamento turistico, produzione multimediale, rivolti ad utenti dei servizi di salute mentale.
  • Dal 2000 esperienza nella gestione di progetti di Tutoraggio che prevedono percorsi di accompagnamento e affiancamento individuali personalizzati per pazienti inseriti al lavoro carico al DSM della ASL Roma 3.
  • Dal 2001 al dicembre 2005, in convenzione con il Centro Diurno Tagaste della medesima ASL,  ha gestito un  “laboratorio di cucina”.
  • Da Gennaio 2002 a Dicembre 2013 ha coordinato le attività formative presso il Centro Diurno S.Paolo  del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma 2.
  • Dal gennaio 2008 a tutt’oggi: convenzione annuale per la gestione del laboratorio di Legatoria del Centro Diurno “Portuense”  della ASL Roma 3.
  • Negli anni 2014 e 2015 ha gestito un laboratorio pre-formativo di Catering presso il Centro Diurno Pasquariello della ASL Roma 1
  • Dal gennaio 2018: attivazione di collaborazione con il Centro Diurno di Poggio Di Acilia del DSM della ASL Roma 3 per il coordinamento e la gestione del Laboratorio di cucito e sartoria.
  • 2018: avvio del progetto Camminamenti, che offre occasioni di incontro e attività di gruppo per i giovani con problemi di salute mentale.
  • Dal gennaio 2019: gestione dei laboratori del Centro Diurno Santa Balbina della ASL Roma 1: Informatica, Cucina, Teatro, Fotografia, Giardinaggio e Mosaico.
  • 2019: avvio di un progetto di Sostegno all’abitare per utenti del Dsm della ASL Roma 3

 

Altre attività di rilievo

  • 2011: realizzazione del Progetto “Forma Verde” su commessa del Comune di Roma finalizzato alla preparazione al lavoro di rifugiati ospiti del Centro Enea di Via Boccea;
  • 2011: organismo capofila di una Associazione Temporanea di Scopo che associa 8 cooperative particolarmente presenti nel territorio del Municipio Roma XVI per la realizzazione del Progetto “Un Municipio per l’impresa sociale” affidato dal Municipio Roma XVI e finalizzato ad incrementare le opportunità di inclusione sociale e lavorativa per soggetti svantaggiati e disabili e a sensibilizzare la comunità locale sulla questione;
  • dal 2013: gestione del Centro di Documentazione sulla salute mentale “V. Marzi” e delle relative attività di inclusione socio-lavorativa degli utenti del DSM della ASL RM/C;
  • 2015: realizzazione di un progetto sperimentale denominato “Alimente” in collaborazione con il Municipio XII e con altre cooperative per la consegna di pasti a domicilio ai soggetti
    fragili del territorio identificati dal Municipio;
  • tra il 2015 e il 2017, in partenariato con altre organizzazioni pubbliche e private coordinate dal Comune di Roma, la cooperativa ha partecipato al progetto Inspire, co-finanziato dalla Unione Europea, finalizzato alla valutazione di servizi innovativi a favore della popolazione fragile; nell’ambito del progetto la cooperativa ha, tra l’altro, organizzato attività laboratoriali ma anche servizi di tutoraggio individuale e di condominio solidale;
  • dal dicembre 2017 a maggio 2018: affidamento del Progetto Touch Diversity (committente Regione Lazio all’interno dell’Avviso Pubblico “Fuoriclasse. Progetti di rafforzamento della partecipazione attiva e dei processi di apprendimento da attuare nelle scuole della Regione Lazio… ”) che prevede attività di sensibilizzazione e di collaborazione con il sistema scolastico in partnership con la rete di scuole denominata “Rete dell’autonomia e
    dell’innovazione”
  • dal 2018 la Cooperativa è coinvolta in un progetto internazionale denominato “Harmony” in prosecuzione del progetto Remedy, (cfr. www.nuovoabitare.blogspot.com) gestito dalla ONG AWSC, che si svolge in Egitto e che prevede la realizzazione di esperienze formative e riabilitative di persone con sofferenza mentale, lo sviluppo di pratiche di automutuo aiuto e la creazione di una impresa sociale volta a commercializzare prodotti artigianali,
    realizzati dai disabili, nei circuiti turistici.

L’esperienza della Cooperativa è stata oggetto di una dozzina di pubblicazioni (2 delle quali di carattere transnazionale)