Insalata di ceci estiva

Una insalata di ceci e julienne di peperoni e zucchine con cipolla di Tropea.

Quando parliamo di legumi quasi automaticamente pensiamo a preparazioni adatte alla tavola invernale: Zuppe di fagioli, minestre di lenticchie bollenti e così via. Perché non provare invece una preparazione più leggera e fresca come una insalata che mescoli legumi con verdure estive?

Ricetta

Ingredienti: (Dosi per una persona)
¼ di peperone giallo

1 zucchina napoletana piccola
¼ di cipolla di Tropea
50 g. di ceci precotti
Curry
Olio EVO
Peperoncino fresco in bacca
sale secondo preferenze personali

Preparazione

Tagliare a julienne il peperone giallo e la zucchina. In una padella mettere un po’ d’acqua con la cipolla di Tropea tagliata in senso longitudinale alle fibre e facciamo appassire la cipolla.

In un’altra padella mettere il peperone e l’olio e cuociamolo fino ad ammorbidirlo. Poi aggiungere la zucchina, anche questa tagliata a Julienne; aggiungere il sale ed il peperoncino.

Quando le zucchine avranno preso un po’ di colore aggiungere i ceci ed una spolverata di Curry.

Versiamo poi tutti gli ingredienti in una insalatiera, aggiungiamo un filo di olio EVO e serviamo l’insalata tiepida.

Provatela, e se vi è piaciuta mettete mi piace sulla nostra pagina facebook.

 

Insalata Greca

Una versione italianizzata della celebre insalata ellenica. 

L’estate sta finendo: godiamoci le ultime insalate di stagione!

 

Ricetta

Ingredienti: (Dosi per tre persone)

200 g. Feta Greca
1 cetriolo
½ Cipolla di Tropea
½ peperone giallo
2 o 3 foglie di lattuga
150 g Olive di Gaeta
200 g. di Pomodorini Pachino
Olio EVO
sale e origano secondo preferenze personali

Preparazione

Sbucciare il cetriolo e tagliarlo a dadini; tagliare il peperone sempre a dadini, affettare la cipolla avendo cura di tagliarne un quarto in senso longitudinale e l’altro in senso ortogonale; e quindi i pomodorini in 4 spicchietti.

Aggiungere l’insalata e le olive di Gaeta. 

Condire con olio, sale e origano e solo alla fine aggiungere la feta a dadini.

Provatela, e se vi è piaciuta mettete mi piace sulla nostra pagina facebook

 

Aliciotte e indivia

Una ricetta tipica della comunità ebraica romana.

Le proteine altamente digeribili del pesce azzurro insaporite dall’indivia.

Ingredienti: (Dosi per 2 persone)

400 g. di alici fresche
500 g di insalata riccia indivia
uno spicchio di aglio
un cucchiaio di pangrattato
Olio EVO
sale secondo preferenze

Preparazione
Puliamo le alici togliendo il budellino e la spina; prendiamo lo spicchio d’aglio, priviamolo dell’anima (la parte col sapore più intenso) e tagliamolo minutamente con l’aiuto di una mezzaluna; quindi passiamo l’aglio tritato in una ciotola di pangrattato.
Lavare l’indivia e tagliarla in modo grossolano e metterla in una casseruola con l’olio e l’aglio.
Sul primo strato di indivia appoggiamo le aliciotte e creiamo un secondo strato di aliciotte e indivia.
Una volta finita la composizione inforniamo a 200 gradi in forno ventilato per 15 minuti. Cuociamo ulteriori 5 minuti togliendo la modalità ventilata per rendere il tortino più croccante.

Consigliamo di mangiarla tiepida.

Provatela, e se vi è piaciuta mettete mi piace sulla nostra pagina facebook.

 

Pasta e fagioli!

 Un piatto tipicamente invernale, ma oggi fa freddo anche se è settembre!

Tutti sanno fare la pasta e fagioli: oggi vi diamo un consiglio per renderla più cremosa.

 

Ingredienti: (Dosi per 4 persone)

280 – 300 g. di pasta del tipo ditali rigati
200 g. di fagioli borlotti in scatola
1/2 bicchiere di passata o pomodori pelati frullati
2 patate piccole
1 spicchio d’aglio
sale
olio evo
pepe

Preparazione
Mettere uno spicchio d’aglio a imbiondire con poco olio. Scolare i fagioli dal liquido di conservazione. Aggiungere 3-4 cucchiai di pomodoro. Aggiungere i fagioli scolati, la patata tagliata a metà senza buccia, il pepe e se volete il prezzemolo. Aggiungere acqua quanto basta a coprire i fagioli e lasciar cuocere 10-15 minuti. Aggiungere la pasta, aggiungendo acqua calda per cuocere la pasta, poca per volta sempre per coprire la pasta. Con l’acqua mettere anche il sale. La patata va schiacciata con la forchetta o frullata ( fuori dalla pentola), serve per fare il brodo della minestra un po’ lento.

Provatela, e se vi è piaciuta mettete mi piace sulla nostra pagina facebook.